Panorama comune di Paludi

Paludi

228 letture
1 minuto di lettura

Il comune di Paludi che raggiunge i 961 metri s.l.m. della cima del Monte Scarbonato dove si impone la vegetazione boschiva coprendone il territorio per il 70% ed un piccolo borgo dell’area orientale della Sila Greca che sorge a 430 metri s.l.m.. Ad oggi sono incerte le sue origini come nucleo abitativo, sebbene alcune analisi dell’impianto urbanistico fanno presupporre che risalgano al XIII secolo. Il borgo attuale nacque nel ‘300 e fu incluso nel territorio di Rossano per gran parte della sua storia.

Cosa vedere e cosa fare

Nel centro storico di Paludi suscitano interesse storico-architettonico la Chiesa Matrice dedicata a San Clemente, il Santo Protettore, la Chiesa di S. Antonio, la Chiesa dell’Immacolata concezione e la Chiesa della Madonna del Soccorso.
Nella vicina Castiglione è possibile visitare il sito archeologico, testimonianza di architettura militare della Magna Grecia tra le più importanti e meglio mantenute in Calabria. Un’area archeologica di circa 40 ettari protetta dalla natura mediante ripidi pendii quasi impraticabili da tutti i versanti. Il sito offre possibilità di visita attraverso un parco archeologico attrezzato ed un museo dove è possibile scoprire la sua storia e vedere alcuni reperti ritrovati.
Il territorio regala scenari imponenti agli amanti della natura grazie alla sua fitta vegetazione ed alla sua fauna, sono presenti infatti numerose querce. Cresce inoltre abbondantemente in tutta l’area la liquirizia.

Tradizioni enogastronomiche

Come ogni paesino calabrese, anche Paludi conserva le sue tradizioni culinarie. Oltre agli insaccati conosciuti in tutta la Calabria, come “sazizza” (salsiccia), “suppressata” (soppressata) e “capicollu” (capicollo), alcuni piatti tipici come “i maccarrun alla pastora” (fusilli alla pastora), i biscotti all’anice, i scaliddri (bastoncini dolci ricoperti di miele), “trippa ccu lu sucu juschent” (trippa e interiora di maiale aromatizzato con sugo piccante).

Festività

A Carnevale: Sagra del maiale.
Seconda domenica dopo Pasqua: Festa di S. Francesco.
Luglio-agosto: Sagra della porchetta e dello “scoratello” con esibizione del “Cavallo pirotecnico”.
Primi giorni di agosto: Festa dell’emigrante
23 novembre: Festa Patronale di S. Clemente.
24-25 dicembre: rappresentazione del presepe vivente.

Numeri utili

Comune: +39098362029
B&B Castiglione: +393396150120

Come arrivare

Aeroporti: Lamezia Terme ( 162 km), Bari (226 km)
Treno: stazioni più vicine, Rossano, Sibari, Paola, Cosenza.

Ass. Rossano Purpurea

Le finalità e azioni di “Rossano Purpurea” si inquadrano, quindi, nella volontà di contribuire al rilancio della nostra realtà cittadina e territoriale, mettendo a disposizione – in modo gratuito e volontario – competenze, tempo e, soprattutto, passione per puntare ad un’organizzazione sinergica dei servizi, ad una promozione strategica, alla scelta concreta e costante della strada della collaborazione per la risoluzione delle criticità.

Non ultimo, obiettivo dell’Associazione è quello di porsi come interlocutore attento, e si spera credibile, nelle diverse dinamiche che interessano lo sviluppo e il futuro della nostra terra.

Fare rete, cercare sinergie tra le tante positività esistenti, di diverso tipo, per costruire sistemi fruibili e comunicabili; per perseguire un’organizzazione efficiente; per provare ad essere efficaci.

Storia Precedente

Cropalati

Prossima Storia

Calopezzati