La Processione delle Congreghe, una testimonianza senza tempo

57 letture
7 minuti di lettura

Nel racconto di Martino Rizzo vi proponiamo un viaggio che non è solo nella tradizione di un rito religioso e popolare ma è anche un cammino intenso nei ricordi di quella che un tempo fu Rossano, nella sua grandezza e nella sua vitalità

di Martino Rizzo
Le processioni delle Congregazioni (le Congreghe) che si svolgono a Rossano all’alba del Venerdì Santo non sono solo un rito religioso ma anche una catarsi individuale e collettiva e un tuffo nella “rossanesità” più profonda.
Partono da ogni parrocchia la mattina quando ancora è buio e attraversando vicoli e strade, girano per tutto il paese visitando le tante chiese cittadine che in questo peregrinare rappresentano i sepolcri (i suburchi) dove la sera prima è stato preparato l’Altare della Reposizione dell’Eucarestia.
Ogni processione è aperta da un devoto che, con la testa incappucciata e a piedi scalzi, porta sulle spalle una croce dalle dimensioni reali, lo seguono il parroco, poi le donne e infine gli uomini.
Molti rossanesi hanno un’appartenenza reale o ideale a una Congrega dovuta a tanti fattori: perché si è parrocchiani di quella chiesa, perché lo si è stato un tempo restandoci legati, perché la famiglia di appartenenza per generazioni ha frequentato quella Congrega. Il mio legame ideale, per esempio, è sempre stato con la Congrega di San Domenico che era la parrocchia di mia madre e che ho iniziato a frequentare circa sessant’anni fa. E nel corso degli anni per me è stata sempre una giornata triste quando per motivi di lavoro non ho potuto prendervi parte.
Mentre nella sacrestia si prepara il devoto che dovrà portare la croce, il primo appuntamento per la Congrega si tiene nella chiesa verso le cinque di mattina, quando un po’ alla volta iniziano ad arrivare i fedeli. Così è lì che avviene il ritrovarsi dei soliti partecipanti. Nella galleria ideale della mia mente ci sono ancora tutti quelli che in tanti anni vi hanno preso parte. Li ho tutt’ora davanti agli occhi, tutti, come se il tempo non fosse passato, come se fossero pronti a mettersi in coda per seguire l’evento mistico. Vedo mio padre e i parenti della grande famiglia di mia madre: zio Vincenzo, zio Giovanni, zio Ciccio, zia Elvira, zia Masina, Gianpiero, ecc. ecc. e poi gli amici di sempre, Silvano, Pierino e le altre famiglie del vicinato: i Nola, i Casciaro, i Lettieri, i Filareto, i Graziano, i Pacenza, i Pericolo, i Sabatino, i Iacopetti, i Gallina, i Federico, i Caputo, i Campana e tante altre che fanno parte di un elenco lunghissimo che è ben impresso nella storia del quartiere.
Nel momento in cui il devoto che porta la croce lascia la sacrestia ed entra in chiesa si forma il corteo e tutti insieme si esce dalla porta posteriore in direzione Santo Nico.
Il primo Suburco da visitare, con la processione che si snoda tra gli stretti vicoli, una volta era la chiesina di San Pietro e successivamente quella di San Biagio, per poi dirigersi verso San Martino, vicino all’antico macello. Oggi, essendo chiuse le prime due, si arriva direttamente a San Martino. Ed è qui che comincia ad albeggiare e ci si può ritemprare dalla levataccia ammirando in alto la visione magica di Rossano che si ha di fronte e che inizia a svegliarsi baciata dai raggi del primo sole. Lasciando San Martino, si punta verso la Cattedrale costeggiando il liceo classico, percorrendo la scalinata e passando davanti al palazzo Monticelli, al forno di Levante, al palazzo de Russis. Inevitabilmente subentrano i ricordi degli antichi negozi del quartiere della “Piazzetta”. Ritorna viva l’immagine di quando si entrava da Levante per acquistare il panino imbottito da mangiare a scuola durante la ricreazione o quando ci si fermava a fare due chiacchiere con il sarto mastro Gigino Scaramuzza, vicino alla “mezzacanna”.
Nel frattempo fervono le preghiere e i canti. E non c’è anima che possa restare insensibile mentre in questo contesto affascinante e mistico si elevano le note e le parole di «Gesù mio, con dure funi / come reo, chi ti legò? / Sono stati i miei peccati Gesù mio, perdon, pietà. / Gesù mio, la bella faccia / chi crudele ti schiaffeggiò? / Gesù mio, di fango e sputi / chi il bel volto t’imbratto? / Gesù mio, le sacre membra / chi spietato ti flagellò? / Gesù mio, la nobil fronte / chi di spine ti coronò? / Gesù mio, sulle tue spalle / chi la croce ti caricò? / Gesù mio, la dolce bocca / chi di fiele t’amareggiò? / Gesù mio, le sacre mani / chi di chiodi ti trapassò? / Gesù mio, gli stanchi piedi / chi alla croce t’inchiodò? / Gesù mio, l’amante cuore / chi con lancia ti trapassò? / O Maria quel tuo bel figlio / chi l’uccise e lo straziò?». Il canto, a quell’ora del mattino, in quei vicoli carichi di storia e di vita vissuta, mette i brividi. Adesso ancora di più pensando a un Gesù vilipeso e straziato che non muore solo il Venerdì Santo ma ogni giorno, in Ucraina, in Africa, in Sudamerica e in mille altri posti a causa di un’umanità che oggi come allora pecca di violenza.
Lasciata la Piazzetta si passa dalla stretta salita dove c’era “la rotera”, proseguendo verso l’asilo di Donna Grazia, ora Museo Diocesano, il laboratorio di falegnameria di mastro Giannino Savoia, il negozio di RomanoL’ingresso nella Chiesa Madre è sempre magico con il Sepolcro preparato nella Cappella del Sacro Cuore dove ci si ferma per le preghiere. Davanti l’altare, per l’occasione, in tutte le chiese viene posizionato un inginocchiatoio sul quale il devoto con la croce può inginocchiarsi.
Uscendo dalla Cattedrale si prende la discesa che porta a Piazza del Popolo passando davanti all’antica pescheria, ai negozi dello “Zurro”, di De Simone, di Sacco, di Santoro, alla Casa De Florio, al Palazzo Palopoli, al Palazzo De Mura. Una volta si visitava anche Santa Maria della Rocca per poi percorrere la piccola salita davanti al Seminario Arcivescovile, arrivando in via San Bartolomeo davanti all’Osteria di Marinella.
Nel frattempo continuano le preghiere e i canti e se ne intona un altro che inevitabilmente, come il primo, tocca le note più intime della sensibilità dei presenti: «O fieri flagelli che al mio Redentore /  le carni squarciate con tanto dolore, / non date più pene al caro mio bene / non più tormentate l’amato Gesù. /  Ferite, ferite, ferite quest’alma, / ferite, ferite, ferite quest’alma / che causa ne fu. / O spine crudeli che al mio Redentore / la testa pungete con tanto dolore / non date più pene al caro mio bene non più tormentate l’amato Gesù /  Ferite, ferite, ferite quest’alma, / ferite, ferite, ferite quest’alma / che causa ne fu. / O chiodi spietati / che al mio Redentore / pie’ e man trapassate / con tanto dolore, /non date più pene al caro mio bene / non più tormentate l’amato Gesù. /  Ferite, ferite, ferite quest’alma, / ferite, ferite, ferite quest’alma / che causa ne fu. / O lancia tiranna / che al mio Redentore / in fianco trafiggi / con tanto dolore / ……  / Trafiggi, trafiggi, trafiggi quest’alma / trafiggi, trafiggi, trafiggi quest’alma / che causa ne fu. /  Ferite, ferite, ferite quest’alma, / ferite, ferite, ferite quest’alma / che causa ne fu». E la mente inevitabilmente va ai kalashnikov, le lance dei nostri giorni che continuano a ferire e a trafiggere il fianco di molti.
Davanti a Palazzo Minnicelli si incrocia la processione dell’Addolorata con i suoi tradizionali partecipanti, anche loro fedeli da sempre alla loro Congrega, tra i quali si riconoscono i Guglielmino, i Zagarese, i Tavernise, i NastasiMarincola, ecc. ecc.
 
Nel momento dell’incrocio tra due processioni i ragazzi dell’una e dell’altra attivano le tocchite, le cecaline, le manuzze e le grancassa, tutte raganelle in legno di diversa fattura e dimensione che comunque fanno un grande baccano.
Quando ancora era aperta la Chiesa della Madonna di Costantinopoli, vicina all’ex Ospedale, vi si saliva dalla strada carrabile per entrare nel bellissimo tempio che le suore facevano trovare addobbato come una bomboniera e per poi discendere dalla scalinata direttamente in Piazza Grottaferrata dove trovavi il negozio di mobili di Graziano, la rivendita di generi alimentari dei Ciommetti, il negozio di Riccardo Levote e si proseguiva fino alla Chiesa di San Nilo.
Da quando invece sono chiuse sia Santa Maria della Rocca che la Chiesa dell’Ospedale la processione procede direttamente verso la Chiesa di Santa Maria della Pace nel quartiere di Santo Stefano, dove attraversando il viale, anche qui si può godere della vista mattutina delle case di Rossano adagiate sulla collina. Tornando quindi verso il centro della Città si passa davanti ai distributori di benzina gestiti da Giuseppe Tizzuno e Cosimeddo.  Dopo il Bar Vittoria si prosegue su Corso Garibaldi passando davanti all’ex Ospizio, a Palazzo Sorrentino, al Bar Sirena,
La Chiesa di San Nilo è la tappa successiva. E dopo essere passati davanti alla Casa Romano, al Palazzo Joele, si intravede la storica sede della “Nuova Rossano”, l’armeria di don Pasquale Mingrone, il tabacchino di Graziano, il laboratori di falegnameria dei fratelli Augusto proprio di fronte alla chiesa. Proseguendo c’è il Monumento ai Caduti con di fronte la casa del dott. Castagnaro, Casa Tocci, Casa Bianco, poi Casa Gigliotti, altra Casa CastagnaroPalazzo Pirillo, Casa Curcio, quindi il Tirone, la Porta dell’Acqua, Casa SpataroPalazzo Amarelli, in alto Palazzo Pisano, quindi la Chiesa di San Giacomo.
Nel frattempo si incrociano altre processioni. Ecco proprio quella di San Giacomo guidata da don Gigetto Graziano e le tocchite iniziano subito a rullare per salutare i partecipanti.
Arrivati in Piazza Matteotti sul marciapiede c’è lo storico gruppetto che vi staziona ogni anno per vedere passare le processioni. Si riconoscono Rizziero, il CancelliereSalvatoreFrancuzzoComincioLorenzoGianfrancoGianfrancesco Tonino.
All’interno della galleria del Traforo, diretti a San Bartolomeo, il rumore delle tocchite, all’incrociare di altre processioni, diventa assordante.
Nel ritorno da Vale si ripercorre la Galleria e in Piazza Santi Anargini si trovano altri gruppetti che stazionano in quel punto strategico che consente, restando fermi, di vedere passare tutte le processioni cittadine. Quindi si prende per Piazza Steri diretti in quello splendore di arte sacra che è San Bernardino dove non si finirebbe mai di ammirare le tante opere d’arte che vi si trovano, il crocifisso e il bellissimo mobile della sacrestia.
Tanti anni fa dalla Chiesa di San Bernardino si proseguiva dallo stretto vicolo che costeggia Casa Casciaro verso la Chiesa di San Giovanni Battista, ora chiusa, per poi riprendere il percorso per ritornare a San Domenico.
Oggi invece da San Bernardino si va direttamente a San Domenico. Arrivati in Chiesa si recitano le ultime preghiere e i fedeli stanchi, ma sazi di spiritualità e soddisfatti per essere riusciti a prendere parte a questa esperienza collettiva, ritornano a casa. Nella sacrestia, il devoto che ha portato la croce finalmente si libera dal peso, si leva il cappuccio e gli organizzatori tutt’intorno fanno festa per la buona riuscita della mattinata.
Speriamo che quest’appuntamento religioso, storico e identitario, che accomuna il popolo rossanese, resista nel tempo e si tramandi alle nuove generazioni.

Ass. Rossano Purpurea

Le finalità e azioni di “Rossano Purpurea” si inquadrano, quindi, nella volontà di contribuire al rilancio della nostra realtà cittadina e territoriale, mettendo a disposizione – in modo gratuito e volontario – competenze, tempo e, soprattutto, passione per puntare ad un’organizzazione sinergica dei servizi, ad una promozione strategica, alla scelta concreta e costante della strada della collaborazione per la risoluzione delle criticità.

Non ultimo, obiettivo dell’Associazione è quello di porsi come interlocutore attento, e si spera credibile, nelle diverse dinamiche che interessano lo sviluppo e il futuro della nostra terra.

Fare rete, cercare sinergie tra le tante positività esistenti, di diverso tipo, per costruire sistemi fruibili e comunicabili; per perseguire un’organizzazione efficiente; per provare ad essere efficaci.

Storia Precedente

Costruire Una Destinazione Turistica Alla Luce Delle Nuove Tendenze.

Prossima Storia

Innovazione 5.0 E Tecnologia Al Servizio Dell’uomo E Del Territorio.