Alti Responsabili Scientifici Dell’unesco, Morales E La Nardi, Per L’anteprima Dell’evento Patir Organizzato Da Rossano Purpurea E Dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversita’

56 letture
2 minuti di lettura

L’11 MAGGIO NEL CENTRO STORICO DI ROSSANO SI PARLERA’ DI PERCORSI UNESCO: LE COMUNITA’ RESPONSABILI E IL VALORE DELLA PARTECIPAZIONE 

La città di Corigliano Rossano e il territorio tutto della Sibaritide Sila greca incontrano, mercoledi 11 maggio p.v. alle ore 17.30, due alti responsabili scientifici dell’Unesco: Francisco Javier Lopez Morales e Patrizia Nardi. 

“Crediamo siano maturi i tempi, per la nostra comunità, per costruire un percorso incentrato su una visione di valorizzazione socio-culturale sostenuto e nutrito da un percorso collettivo e dal basso, che veda al centro i cittadini, individualmente e attraverso Associazioni, Organizzazioni, Scuole e Istituzioni tutte, come soggetti responsabili, custodi e promotori del proprio patrimonio culturale, rinforzando le relazioni tra esso e la vita democratica e lo sviluppo del nostro territorio. Sono questi i principi della Convenzione di Faro ed è questo il messaggio, il senso e la volontà che ha portato la nostra Associazione a voler organizzare questo primo incontro, sotto l’egida, prestigiosa e internazionale, dell’Unesco”. 

Così la professoressa Alessandra Mazzei, Presidente di Rossano Purpurea, annuncia la manifestazione pubblica di mercoledì 11 maggio di cui saranno ospiti, appunto, l’architetto Francisco Javier Lopez Morales, Direttore del Dipartimento del Patrimonio Mondiale dell’INAH (Istituto Nazionale di Antropologia e Storia) del Messico, Facilitatore Unesco per quanto riguarda l’ICH (Intangible Cultural Heritage), e la dottoressa  PATRIZIA NARDI, storica, esperta UNESCO nella valorizzazione del patrimonio immateriale e culturale e nelle Candidature, che da tempo e con generosità ha intrapreso un dialogo proficuo con l’associazione Rossano Purpurea e che ha deciso di far conoscere direttamente al professor Morales la terra di quel Codex Purpureus che dall’ottobre del 2015 è stato riconosciuto patrimonio documentario dell’umanità e inserito dall’Unesco tra i documenti del Registro della memoria mondiale.

E proprio dalla casa del Codex, dal prestigioso e limitrofo Salone degli Stemmi dell’Arcivescovado, si terrà la manifestazione pubblica, promossa, insieme all’Associazione Purpurea, dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, dall’Arcidiocesi di Rossano Cariati, dal Comune, dal Segretariato Regionale e dalla Direzione regionale dei Musei della Calabria del Ministero della Cultura, dal Parco archeologico di Sibari, nonché dal Museo diocesano e del Codex e dal Museo della Liquirizia Giorgio Amarelli, e dall’Eco dello Jonio.  

Il pomeriggio, moderato proprio dal direttore dell’attivissimo giornale on-line regionale, partner dell’intero progetto, il giornalista Marco Le Fosse, vedrà un ricco e prestigioso parterre, in cui interverranno l’Arcivescovo Mons. Maurizio Aloise, il Sindaco ing. Flavio Stasi, il Direttore del Segretariato Regionale del MiC Calabria, il dott. Salvatore Patamia, la dottoressa Maria Domenico Lo Faro, Funzionaria Archeologa del Parco archeologico di Sibari, e Fortunato Amarelli, Amministratore delegato dell’Amarelli Srl, nonché cofondatore e Consigliere di Rossano Purpurea.  

L’incontro dell’11 maggio funge da anteprima del più ampio evento intitolato “PATIR – Identità, Patrimonio,Visioni”, che proseguirà nelle due giornate di studio del 27 e 28 maggio presso il Complesso monastico basiliano di Santa Maria del Patir, coorganizzato sempre con il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, e curato dalla segreteria scientifica costituita dall’archeologa Donatella Novellis, e dall’architetto Mariella Arcuri, rispettivamente socia e segretaria di Rossano Purpurea, insieme alla presidente Alessandra Mazzei.

Il programma completo della prima edizione di Patir, che conta su alti e numerosi patrocini, sarà presentato proprio l’11 maggio alle ore 17.30 in occasione di questa prima giornata presso il Salone degli stemmi dell’Arcivescovado. 

Ass. Rossano Purpurea

Le finalità e azioni di “Rossano Purpurea” si inquadrano, quindi, nella volontà di contribuire al rilancio della nostra realtà cittadina e territoriale, mettendo a disposizione – in modo gratuito e volontario – competenze, tempo e, soprattutto, passione per puntare ad un’organizzazione sinergica dei servizi, ad una promozione strategica, alla scelta concreta e costante della strada della collaborazione per la risoluzione delle criticità.

Non ultimo, obiettivo dell’Associazione è quello di porsi come interlocutore attento, e si spera credibile, nelle diverse dinamiche che interessano lo sviluppo e il futuro della nostra terra.

Fare rete, cercare sinergie tra le tante positività esistenti, di diverso tipo, per costruire sistemi fruibili e comunicabili; per perseguire un’organizzazione efficiente; per provare ad essere efficaci.

Storia Precedente

Innovazione 5.0 E Tecnologia Al Servizio Dell’uomo E Del Territorio.

Prossima Storia

Piazza Santi Anargiri